Il colore…

La scelta del colore

di archiviato in Illuminazione e colore, Pavimenti e rivestimenti

Voglio richiamare qui un bell’articolo dell’Arch Maria del Conte trovato in rete su cui concordo perfettamente:

L’architettura ha nel colore un alleato, perche con esso si puo’ trasformare la percezione dello spazio, l’atmosfera e lo stile di qualsiasi ambiente. Negli ultimi anni sta assumendo sempre piu’ importanza, non solo per le pitture, ma anche nell’arredo, nei rivestimenti.
Il colore in un ambiente deve essere progettato, bisogna per prima cosa studiarne l’effetto che produce nello spazio in cui viene inserito e negli stati d’animo degli individui che usufruiscono di tale ambiente.
Una scelta corretta del colore si traduce in un mezzo per ottimizzare la distribuzione dello spazio, considerandone l’illuminazione, i materiali e la funzione.

CONSIGLI PRATICI:

– Un tono chiaro vicino ad uno scuro sembra piu’ chiaro di quello che e’ realmente, e viceversa;
– I toni chiari danno una sensazione di ampiezza, gli scuri riducono gli spazi. Le gradazioni tenui trasmettono freschezza, quelle intense non bisogna utilizzarle in quantita’ eccessiva per non opprimere;
– Pitturando il soffitto di un ambiente molto alto con un colore scuro, si ottiene un avvicinamento visivo della superficie;
– Per rinforzare la luminosita’ il bianco e’ il colore piu’ adatto ma per rendere un ambiente piu’ interessante e particolare si puo’ dipingere una parete, o un altro elemento dell’ambiente, con un colore contrastante;
– Nel salone e in sala da pranzo si raccomandano colori caldi, e lo stesso nelle stanze a nord, per combattere la freddezza della luce;
– Negli spazi ridotti l’uso di un solo colore in diverse tonalita tenui rende lo spazio continuo e piu’ ampio;
– Se un ambiente ha superfici si piani differenti, si possono raggiungere scenografici effetti di chiaroscuro colorandolo con colori e gradazioni differenti.

EFFETTI PSICOLOGICI: Il colore comunica idee, sentimenti. Puo’ creare ambienti freddi o caldi, rilassanti o eccitanti, accentuare o diminuire la luminosita’.

Seimila anni fa gli egizi curavano con il colore e la tecnica usata allora non è molto diversa da quella usata oggi. La cromoterapia è, infatti, una scienza antichissima, basata sull’emissione di luce-colore: basti pensare non solo ai templi egizi di Elioterapia, ma anche alla “scienza” del colore, luce e suono, utilizzata ancora oggi dagli Sciamani della Nuova Guinea, dell’Africa, dell’Amazzonia, dagli Aborigeni Australiani e altri ancora. La correlazione tra colore e benessere è stata dimostrata da molte ricerche. Essendo la pelle sensibile alla luce, tutte le radiazioni prodotte dai colori vengono ecepite dall’organismo modificandone alcune funzioni, l’energia fisica della luce si traduce in energia chimica. Nei templi dell’antichità il colore faceva parte dei riti, ma era anche utilizzato in funzione terapeutica: nei templi egizi la luce del sole entrava scomponendosi nei sette colori dell’iride ed i fedeli, guidati dai sacerdoti, potevano immergersi in quello più adatto alle loro condizioni psico-fisiche. Tutta questa antica sapienza si è tramandata attraverso i secoli ed è stata integrata da osservazioni scientifiche: si può dire ad esempio, in termini fisiologici, che esistono colori eccitanti e colori riposanti, ed è ormai provato che questi colori agiscono sia in senso fisico che in senso psichico.

cromoterapia rosso

cromoterapia giallo

cromoterapia verde

ROSSO: simboleggia azione, attacco, passione, sangue, pericolo; è eccitante, iperstimolante (serve a superare l’abbattimento e la tristezza). Il rosso sta in cima all’ arcobaleno, è il colore maschile per eccellenza; l’aggressività del rosso è sempre stato legato alla guerra.

GIALLO:è speranza, attività, è brioso, allegro, stimolante psichico.
ROSSO-ARANCIO: è estroverso ed attivo, rappresenta “forza di volontà”.
ARANCIONE: è caldo, defaticante, ma anche irritante e soffocante.

VERDE: è pacificante, rassicurante, rinfrescante, ecologico, neutro, virile. Il verde è una tonalità ambivalente, è il colore della decadenza e della putrefazione e, ciò nonostante, è il colore della vita stessa, associato, per tradizione, alla nausea ed al veleno, all’invidia ed alla gelosia, è il colore del fogliame, della primavera, della forza della natura.

cromoterapia nero

cromoterapia blu

cromoterapia bianco

NERO: è introverso, deprimente; simboleggia negazione, lutto. E’ la negazione del colore. Suggerisce solidità e massa; l’oscurità suggerisce lo spazio.

BLU: è dolcezza, quiete, tranquillità, è calmante, egocentrico, passivo, sensibile, comprensibile, socievole. Rappresenta profondità di sentimenti; E’ il più sereno dei colori, fresco, Tranquillo e ordinato.

BIANCO: è ordinato, pulito, ma anche monotono e freddo, abbagliante; affatica l’occhio e, inoltre, è deprimente. E’ considerato il colore positivo per eccellenza.

Approfondimenti

VEDIAMO UN ESEMPIO:

Vivere a tutto colore
http://atcasa.corriere.it/Le-case/Avant-garde/2009/04/30/img/02_multicolor.jpg
Un appartamento multicolor.

Il cambio di colore segna il passaggio tra una stanza e l’altra nell’appartamento ristrutturato a Stoccolma dagli architetti svedesi Tham & Videgård Hansson

Nero, grigio, marrone, verde, giallo, rosso, arancio e rosa. Un colore diverso per ogni stanza. Sembrano seguire il cambio delle stagioni, le pareti e il pavimento di questo appartamento di Stoccolma, ristrutturato dagli architetti svedesi Tham & Videgård Hansson secondo un criterio cromatico.

L’ispirazione è stata data in parte dalla location, costituita dal parco di Humlegården su cui l’appartamento si affaccia, e dalla lunga fila di stanze che potevano essere messe in relazione con la vegetazione esterna, che filtra all’interno della casa attraverso le finestre. Determinante inoltre è stata la scelta di coniugare i processi industriali contemporanei con la qualità artigianale locale e di sperimentare entro i limiti della tradizione svedese, rifacendosi all’uso di motivi e colori già esplorati da artisti e architetti come Carl Larsson e Josef Frank.
La successione dei colori disegna motivi geometrici che attraversano la disposizione delle stanze, contribuendo a ridefinire la struttura dell’appartamento

Per questi motivi, si è deciso di utilizzare un materiale naturale, declinato in chiave contemporanea. Per dare all’appartamento un nuovo look, pareti e pavimenti sono stati rivestiti di un parquet di frassino oversize e multicolor, che oltre ad avere una funzione fortemente decorativa, ridefinisce lo spazio creando un nuovo disegno che attraversa le divisioni originali.

“La sovrapposizione dei colori trasforma la pianta dell’appartamento e aggiunge una nuova struttura agli spazi che risultano uniti gli uni agli altri”, spiegano gli architetti che si sono occupati del restyling. “A partire dalle sfumature di colore che avevamo a disposizione, abbiamo sviluppato ogni stanza in relazione all’altra. Ogni lastra è stata posizionata secondo un ordine preciso, senza lasciare niente al caso”.
E al caso non è stata lasciata neanche la scelta degli arredi: tutti rigorosamente bianchi. Una decisione obbligata, che ha permesso di includere pezzi di vari designer e di epoche diverse. La differenza tra gli stili è stata superata grazie al colore. Ancora una volta protagonista.

CRITERI DI SCELTA

II gusto personale
Che cosa dovrete prendere in considerazione al momento di scegliere i colori per la casa? Il carattere, i gusti, il modo di vivere, rendono inclini verso determinati colori a preferenza di altri e non vi è ragione di ignora­re queste tendenze.

Forse siete tra coloro che sentono il bisogno di colori vivi, caldi, stimo­lanti o forse invece essi vi stordiscono, vi stancano, vi provocano disagio. Agli amanti dei colori violenti e dei contrasti fanno riscontro coloro che prediligono le mescolanze morbide, i passaggi sapientemente dosati da una tinta all’altra.

Anche l’età influisce sulla scelta dei colori. Una ragazza può circondarsi di rosso brillante o verde smeraldo, mentre la stessa stanza abitata da una giovane coppia dovrà avere, quasi necessariamente, colori più sobri. Un collezionista d’arte preferisce, a pareti colorate, i grigi e i bianchi, che fanno da sfondo ai suoi oggetti.

Attenzione: gusto personale non significa poter disporre a piacimento del colore senza un adeguato discernimento o per istinto o per conoscen­za acquisita. Le tinte violente e ben riuscite che vi sono piaciute in un grande magazzino, una volta introdotte in casa vostra si rivelano spesso chiassose, eccessive, insopportabili; un rigato azzurro e viola usato per le tende fa venire il capogiro; un cuscino verde in una camera da letto arre­data in tonalità rosa antico sarà forse molto «simpatico» ma interrompe il caldo equilibrio creato dal rosa.

Armonia di colori e tipi umani
Esistono, indipendentemente dai gusti personali, vari gruppi di armonie cromatiche corrispondenti ad altrettanti tipi umani. È certo che ad una data persona alcuni colori si addicono meglio di altri e che la scelta non può prescindere dal colore degli occhi.

Si afferma giustamente che:

* la gamma del rosso si adatta a persone con occhi marroni o bruni. In questo gruppo di tinte rientrano i rossi, tutti i rosa, l’ocra-rosso, i bruni-rossi, la terra di Siena, gli arancioni-rossastri, i blu mare, il verde smeral­do non troppo azzurrato, il grigio-verde, il verde bottiglia, i vari toni di carminio, i viola, il bianco, i neri caldi, il grigio neutro o rossastro, i grigi-rosati;
* la gamma dell’azzurro si adatta a persone con occhi azzurri, azzurro-verde, azzurro-viola, azzurro-grigio. La compongono tutti gli azzurri, i verdi azzurrati, il bianco, il nero con presenza di azzurro, il grigio neutro e tutti i grigi-azzurri;
* la gamma del giallo si adatta a persone nei cui occhi è presente un po’ di giallo: verde-giallo, grigio-giallo. Comprende tutti i gialli, i giallo-verdi, i giallo-arancione e non il rosso-arancione, il bianco, il nero, i neri contenenti giallo, i grigi-gialli, il grigio neutro.

La casa: un tutto unico
Un tempo c’era l’abitudine di arredare ogni locale di un’abitazione come una cosa a se stante, una stanza a parte, diversa da quella vicina. Oggi l’esigenza della funzionalità e della razionalità e soprattutto le ridotte dimensioni degli appartamenti hanno indotto a orientarsi sempre verso una ricerca di unità.
Converrà quindi creare un’armonia d’insieme ai colori della casa e due camere comunicanti dovranno a maggior ragione integrarsi e completarsi senza stonature.

I casi più frequenti
* Quando l’ingresso è visibile dal soggiorno, il suo colore dovrà inte­grarsi con quello della stanza attigua di cui quasi fa parte.
* Se nel soggiorno c’è un angolo destinato al riposo, dove il soggiorno si trasforma un po’ in camera da letto, allora è bene che il colore cambi, per accentuare l’intimità e il riposo o mettere in evidenza quel cantuccio appartato, senza che per questo venga meno la possibilità di considerar­lo parte dell’insieme.

L’esigenza di uno stile unitario non deve però spingere a una eccessiva monotonia. Se per esempio avete dipinto con una tinta vivace le porte di una stanza non siete obbligati a fare altrettanto nell’intero appartamento.

Sarà invece opportuno equilibrare lo spunto originale rendendolo un motivo ricorrente sotto diversa forma, non foss’altro in cucina dove è sempre facile creare macchie di colore.
Una porta dipinta o il fondo di una biblioteca in tinta vivace potranno equilibrare l’altra parete colorata.

Attenzione ai passaggi da un colore all’altro. Vi trovate, poniamo, in una stanzetta in cui predomina l’arancione: un po’ di sole contribuisce a rendere ancora più luminosa l’atmosfera. Poi vi spostate nella stanza accanto per sedervi a tavola: l’angolo del desinare è immerso in un colore azzurro accentuato dal rosso.

L’occhio, avido di azzurro dopo l’arancione, non noterà la sfumatura rossa; l’azzurro vi apparirà molto marcato, probabilmente freddo e sfavorevole all’intimità di cui probabilmente amate circondarvi.

In una stanza troppo alta
• coprite il pavimento con un tappeto o un rivestimento scuro; tinteggia te con un colore carico il soffitto aggiungendo un bordo che ricada sulle pareti per circa 30 cm. La lampada centrale dovrà scendere più in basso del bordo;
• fatevi installare una cornice sotto il soffitto formata da assicelle di legno dipinte in tinta chiara dietro cui verrà disposta la sorgente luminosa; nell’ingresso potrete anche mettere dei riflettori a circa 30 cm dal sof fitto, colorati in nero, con la luce diretta verso il basso;
• non fate uso di carte da parati o di tende a strisce verticali ;
• una tromba di scale sembrerà meno alta con un soffitto in tinta scura per esempio blu notte o verde.

Se la stanza è molto bassa
• si potrà creare la sensazione dell’altezza con un pavimento chiaro, un soffitto chiarissimo;
• oppure con pareti senza cornici rivestite interamente in carta da parati o dipinte. Le strisce verticali danno la sensazione di maggiore altezza.

In una stanza troppo piccola

* usate tinte chiarissime sulle pareti; superfici in tinta unita e discreta­mente carta da parati o tessuti con disegni ampi che ingombrano e ten­dono a rimpicciolire i piani;
* un’unica vasta superficie sul pavimento (e non parecchi tappetini)- una moquette chiara o un tappeto di paglia che ricoprano interamente il pavimento ingrandiscono la stanza;
* le porte devono confondersi con i muri e vanno trattate nello stesso modo, dipinte o rivestite con carta da parati o stoffa.

In una stanza lunga e stretta

* per le superfici da ravvicinare occorre un colore scuro oppure caldo e piuttosto intenso: verde scuro, azzurro scuro, bruno, arancione, rosso;
* alle pareti da allontanare si dia una tinta chiarissima, oppure fredda e chiara: bianco, azzurro chiaro, verde acqua.

Casi particolari

* Per una stanza a pareti ineguali: carta da parati o stoffa a motivi assai serrati che la ricoprano interamente. Spesso per questo uso ci si serve delle tele di Jouy.

Porte di altezze e forme diverse: renderle uniformi ai muri, usando l’identico colore o lo stesso materiale di rivestimento.

Esposizione e luminosità
In una stanza molto luminosa tutto è permesso, in una scura occorre invece un pavimento chiaro con muri bianchi, giallo chiaro o rosa: chiazze di colori vivi e caldi contribuiranno ad animare l’atmosfera.

In una camera esposta a nord
Si scelgano senza esitare colori caldi e luminosi e in particolare:

* per il soggiorno: giallo paglierino, giallo pompelmo, arancione o bian­co sostenuto da tinte vive; tende rosse; pavimento chiaro;
* per la camera da letto: rosa, bianco, oro;
* per la cucina: giallo chiarissimo con rifiniture bianche.

In una stanza esposta a est
Il sorgere del sole fa risplendere i colori un po’ violentemente. Questo induce a usare toni tenui. Nelle camere da letto tutti i toni grigi caldi, pastello, rosa od azzurrini, l’ocra-rosato. Nel soggiorno il color crème chiaro.

In un locale esposto a ovest

* Il tramonto darà maggior calore alle tinte. Nel soggiorno andranno bene sia i bruni sia i grigi; se preferite il rosso scegliete un tono freddo come quello della lacca rossa; meglio il giallo tiglio di quello brillante;
* nella camera da letto potrete impiegare liberamente anche colori freddi. Particolarmente adatti i grigi pastello (grigio-rosa, azzurro, giallo) sottolineati da una macchia dorata o blu notte.

Per un ambiente esposto a sud

* Scegliete colori freschi. Il bianco, se una stuoia filtra la luce troppo intensa, è sempre fresco;
* in cucina, un azzurro cielo o un verde acqua pallidissimo sottolineato dal bianco;
* nel soggiorno, un po’ di bianco o grigio-azzurro. Su muri bianchi le stuoie di colore naturale azzurro o verde pallido, potranno filtrare la luce. Le tende veneziane creano ombre sapientemente distribuite;
* nella camera da letto, il verde pallido, l’azzurro cielo, i grigi pastello con un po’ di rosa.

A ogni legno la sua tinta ideale
Tra le numerose essenze che vengono utilizzate per mobili e pavimenti ve ne sono alcune che acquistano maggior risalto di altre in presenza di determinati colori. Vediamo gli accostamenti migliori:

1. al pero, al ciliegio, al faggio si addicono l’azzurro, il verde, il grigio, il beige, il bianco e il malva;
2. ai legni intarsiati è meglio accostare colori nei toni pastello;
3. al noce: grigio, beige, toni dorati;
4. al palissandro: grigio, sabbia;
5. al frassino: rosso lacca, verde;
6. al mogano: grigio, giallo, azzurro-grigio, verde;
7. alla quercia: rosso, bruno, verde, bianco;
8. il teak regge bene i colori opachi e scuri: azzurro, verde, grigio.

Ogni stile ha i suoi colori
Rinascimento, il Luigi XIII e lo stile spagnolo: dominano i colori nobili quali il rosso, il viola, l’azzurro e i verdi. Nel contrasto fra i toni scuri e quelli chiari si preferiscono il grigio azzurrato e soprattutto il bianco.
Luigi XIV: tutti i colori caldi. Molto rosso, toni avorio, oro, argento, rosso cremisi, bianco; qualche nota brillante gialla, verde e bianca.
Reggenza: verde, rosso, bianco, giallo, oro e grigio.
Luigi XV: tutti i toni pastello e quelli tenui come giallo pallido, azzurro, rosa antico, verde pallido; oppure i toni ricchi (per esempio, l’oro e l’argento) insieme con l’azzurro o con il rosa.
Luigi XVI: pure tutti i toni pastello, il giallo chiaro, il blu Nattier, il rosa, il verde pallido.
Direttorio e il Neoclassico: vi sono varie possibilità. Si può optare per i colori scuri come rosso pompeiano, camoscio, viola, nero, rosso; per quelli chiari, giallo, verde, celeste, bianco, molte righe su fondo bianco; oppure per i toni sfumati in azzurro, viola, rosso.
Impero: tonalità vive e decise come verde impero, giallo oro, rosso cre­misi, bruno, ocra, oro e bianco.
Luigi Filippo e Napoleone III: molto rosso, granata e verde. Nero, com­binazione di rosso e nero, qualche tono sfumato.Art Nouveau e Liberty italiano: si rinnovano i colori che, come le forme sinuose e slanciate, si ispirano alla natura, ai fiori dell’iris e della calla.

n>

I vostri commenti

55 risposte a “Il colore…”

  1. clarietta ha detto:

    salve mi serve un consiglio perche non so proprio cosa scegliere!sto comprando un appartamento che ha un pavimento con mattonelle 30×30 in monocottura di un colore rosato molto caldo, e degli infissi e porte ciliegio chiaro, purtroppo le spese sono tante e potro cambiere solo il colore delle pareti e vorrei sapere se i colori neutri del grigio chiaro o del tortora chiaro, che mi piacciono molto, potrebbero andar bene?se si poi per i mobili come mi devo orientare?
    spero mi risponderete, intanto vi ringrazio comeunque dell’attenzione. Un saluto a tutti!

  2. valentina ha detto:

    Buongiorno,avrei bisogno dei piccoli consigli,devo tinteggiare la mia mansarda di media altezza con la mobilia wengè e bianca ma non ho idea come tinteggiare le pareti non vorrei sbagliarmi!!!aiutatemi

  3. Maria Luisa ha detto:

    Salve, vorrei un consiglio sulla scelta e combinazione dei colori per la camera da letto.allora, lato dove metterò il letto,c e un dipinto rappresentante “la creazione “di Michelangelo, sui toni dell arancio-beige- e altri colori caldi.premetto che i contorni del quadro saranno un arancio chiaro. Il resto delle 3 pareti come posso farle fare? I mobili sono noce con maniglie oro,tende chiare,credo.grazie.

  4. Karin ha detto:

    Buongiorno, io e mio marito siamo in aperta lotta per la scelta delle pareti del soggiorno/cucina. L’arredamento è tutto moderno, di colore wengè/panna, e a me piacerebbe decorare le pareti con giochi di colore (ad esempio usare un color tortora e colorare una parete di un colore più forte – marrone o granata, viola…-). Mio marito invece preferirebbe utilizzare qualche effetto tipo spugnatura, che a me da l’idea di una decorazione troppo classica, visto l’arredamento. Vorrei sapere se l’idea di abbinare le due cose potrebbe risultare pacchiana (ad esempio mantenere il color tortora liscio e decorare solo la parete a contrasto), o se fosse possibile un consiglio grazie alla Vostra esperienza.Grazie mille!

  5. Antonella ha detto:

    Salve. Le vorrei chiedere un parere sui colori che ho scelto per dipingere la camera da letto. Avevo pensato ad un beige chiaro o panna e la parete del letto dorato perlescente. Secondo Lei si intonano oppure devo pensare ad altro?
    La ringrazio anticipatamente… Aiuto…la prego mi aiuti!
    Cordiali saluti Antonella Stillitano.

    • Gianni ha detto:

      Egr.ia Sig.ra Antonella, in genere il colore di una parete in particolare, che
      faccia da sfondo all’ambiente come la sua camera da letto, deve essere a contrasto con il colore del resto
      delle pareti.
      Si adottano colori chiari e scuri, a distacco tra loro come azzurro grigio e
      blu avio oppure nel caso suo se vuole utilizzare il dorato perlescente, quindi un
      colore chiaro dovrebbe scurire le altre pareti, con un sabbiato oppure un grigio/giallo o un
      grigio/verdeoppure color panna a contrasto con un dorato antico scuro.

  6. Mary ha detto:

    ..Mi sono dimenticata di una parte fondamentale! Le pareti del salotto al momento sono arancioni.. Sto pensando se lasciare o meno il colore! E anche per la cucina.. non saprei cosa fare, visto che la scelta del colore dei mobili non è ancora stata del tutto definita (forse un grigio perla?). Help!! grazie ancora. Mary

  7. Mary ha detto:

    Salve, ho letto diversi post e apprezzo molto i vostri consigli! Spero riusciate ad aiutarmi.. Ho da poco comprato casa ho un amiente unico con cucina a vista e soggiorno. La cucina a vista ha pavimento grigio (effetto sale-pepe ma chiaro) e il salotto con parquet jatoba. La scelta del colore dell’arredamento è molto difficile: la cucina sarebbe gialla laccata (oppure, in alternativa panna laccata) con parti in wengè grigio (potremmo anche non inserirle). Il fatto che sia a vista divente un problema con la scelta degli abbinamenti dei mobili del salotto. Mi potreste aiutare per favore? Grazie mille. Mary.

    • Arch. Bruno Laura ha detto:

      Buonasera Sig.ra Mary.
      IL pavimento con la sua trama, tipologia e colore influenza tutte le latre scelte della casa.
      Diamo una spiegazione del parquet jatoba….Colore da rossiccio arancione a bruno rossastro, proveniente dal Nord America. Ogni elemento in legno della medesima specie legnosa possiede un aspetto originale ed unico, che dipende sia dalle caratteristiche climatiche e mineralogiche del luogo di accrescimento della pianta di provenienza, che dal suo punto di prelievo e dal suo orientamento nel tronco. Di conseguenza le tonalità di colore con l’esposizione alla luce tende nel tempo a scurire in maniera molto consistente e non uniforme, con differenze cromatiche anche marcate tra singoli elementi originariamente uguali.
      Bello il colore arancio, a contrasto con il grigio, è molto moderno e attuale, ma il wengè è un colore molto scuro a contrasto con il rossiccio del parquet, in quanto il wengè è una tonalità nero grigia priva di luminosità chiare. Continuerei con un color panna della cucina mentre scurirei i colori delle pareti della cucina con un compromesso dato dal grigio azzurro, un avio molto chiaro. Grazie a lei per la scelta di leggerci!

  8. cinzia ha detto:

    salve, io ci provo….:-)…sto elaborando una stanza
    esposta a nord..mansarda..camera da letto.molto legno, soffitto a
    travi. ho creato un soppalco con scala in legno di pino naturale.
    più chiaro delle travi. lo spazio è ridotto, una minifinestra e una
    porta finestra che da a nord..ho anche posto un pannello con porta
    stondata per recuperare uno spazio-insenatura facendo una cabina
    armadio..la domanda sarebbe: il colore adatto?? pensavo a un
    azzurro intenso messo magari a sezioni…ma col legno? poi ho letto
    lei..il color oro…niente male…ma se facessi varie sezioni a
    vari colori? mille domande, chissà….buona serata. cinzia

    • Arch. Bruno Laura ha detto:

      Salve Cinzia, fa bene a provarci! Cerchiamo sempre di rispondere a tutti…qualche volta capita che tra le tante lettere qualcuno rimanga deluso!
      Noi cerchiamo di trasmettervi le nostre esperienze e nel mio caso la mia sensibilità verso i colori. I colori non sono una scenza esatta perchè tutti vediamo i colori in modo diverso, sia per la fisologia dell’occhio sia perchè la luce ci circonda e colpisce gli oggetti in modo diverso in ogni piccola parte, al passare dei minuti.
      Ho letto con attenzione i suoi dubbi ma anche la sua scelta…attenzione a non creare multicolori perchè il nostro umore cerca in casa la semplicità e la tranquillità ….se la stanza è a nord i colori tendono a scurirsi perchè c’è l’ombra grigia dei mobili e i colori chiari rendono l’ambiente piu grande, dilatano lo spazio. Un grigio solare che porta dentro di se un azzurro giallo che lo rende piu corposo o ancora un azzurro elegante, un azzurro lavagna…è ideale rispetto all’oro che renderebbe il legno confuso sul piano del muro che fa da sfondo.
      Altri colori soo scontati come il verde…il giallo …l’arancio.
      Grazie a lei per seguire le nostre risposte!

  9. gianluca ha detto:

    Buondi’ signori una domanda,vorrei fare nel mio
    appartamento che ho acquistato uno stile moderno,ovviamente i
    mobili tutti laccati di bianco e nero con un divano color ghiaccio
    in ecopelle e vorrei delle info x quanto riguarda le varie
    colorazioni di muro su un parquet noce nn molto scuro,a me
    piacerebbe molto x il salone le pareti grigie londra,si puo’?grazie
    anticipatamente

    • Arch. Bruno Laura ha detto:

      Salve Gianluca, lo stle che sta scegliendo è molto
      particolare e lo sposalizio tra noce e grigio, non un grigio
      qualunque, non va fatto per tutte le pareti. Potrebbe scegliere un
      grigio chiaro e un grigio scuro rosastro in modo da rispettare le
      venature del noce grigio marrone rossastro scuro. Colorare una o
      due pareti con lo scuro opposte si ottiene un restringimento e
      allungamento dell’ambiente se invece si adopera il colore scuro su
      due pareti attigue magari di diversa lunghezza, permette di
      esaltare un angolo seduta, o uno spazio pluri arredato lasciando
      vuoto l’altro spazio. Il tutto dipende anche dalla luce naturale
      della finestra. Spero sempre di essere stata di aiuto.

  10. archlaurabruno ha detto:

    Salve Marco, difficile dare una risposta solo immaginando un ambiente così complesso e descritto accuratamente. le posso dare qualche input:
    se il pavimento è scuro le pareti devono essere chiare, e se si desidera rivestire in pietra una parete, è bene farlo facendolo esaltare su una parete scura, quindi senza riempire tutta la parete, magari strisce di pietra e colore, e se vuole creare una parete uniforme vada a vedere la pietra http://www.14oraitaliana.com, base61, crosta è una pietra molto bella che mostra sfumature di colore diverse proprio perchè naturale.

  11. Marco Blacks ha detto:

    Bellissimo sito !!!
    Avrei urgente bisogno di un consiglio:
    Sto creando una zona pseudo sala hobby Eliminando e accorpando stanze contigue come lavanderia cantina etc .. In pratica otterrei una stanza 4.30 x 7.80 in cuore ci si accede mediante una scala centra lungo il lato lungo e poi gira di 90° per qualche ulteriore gradino… la mia idea era quella di dedicare parte(quella più piccola a sinistra della rampetta finale) ai giochi x i bimbi che ora invadono la zona soggiorno al piano rialzato, e la zona + ampia la riserverei per mettere un tavolo lungo il lato corto di fronte all’ unico punto luce(finestra e portafinestra), un divano sul lato lungo accanto alle scale che girano e una zona tv di fronte.La domanda è su quale colorazione orientarmi x i pavimenti pareti e x un rivestimento in pietra che mi sarebbe piaciuto vedere dietro il divano(parete lunga).
    il parquet non voglio metterlo anche se sarebbe stato l’ideale anche per i bimbi… perché la stanza e a rischio allagamenti… pensavo quindi a quelle ceramiche effetto legno.
    Da tener presente che il soffitto è molto basso.
    Grazie ein anticipo

  12. diego ha detto:

    buongiorno, io dovrei ridipingere il corridoio/ingresso di casa ma sono indeciso sulla scelta del colore.La casa è così composta: appena si entra si ha questo corridoio/ingresso a destra del quale si ha la parete.A sinistra si ha la camera da letto che ha un color giallo crema nelle pareti, mobili in noce e pavimento in parquet bamboo color rovere.Passata la camera si ha una piccola dispensa e passata questa si arriva, sempre tenedosi a sinistra nel soggiorno living con cucinino: qui le pareti sono del color della camera da letto, i mobili color nove e rovere e pavimento sempre in parquet.In fondo al corridoio/ingresso c’è il bagno con pareti bianche e pavimento di piastrelle azzurre.I soffitti sono di color bianco e anche il pavimento dell’ingresso-corridoio è in parquet.Nell’ingresso – corridoio è presente un armadio di color rovere.
    Volevo sapere che colore ci starebbe bene e non stonasse con il colore del parquet e delle altre pareti.Io pensavo ad un azzurro cielo limpido.Che ne dice?che ne pensate?
    grazie in anticipo

  13. simonetta ha detto:

    debbo pitturare il mio salotto ed amo molto al rosa-rosso
    pompeiano e l’oro.ho una parete con due grandi finestre ed una con
    camino.l’ambiente è comunicante(aperto) con la zona pranzo:mi
    aiutate?come scegliere i colori e come distribuirli? i mobili sono
    scuri e in legno,classici

  14. Samuele ha detto:

    Salve!vorrei un consiglio su accostamenti di colore.
    con la mia famiglia ci dovremmo trasferire in un’altra casa e i mobili li abbiamo già e sono di colore ciliegio tendente al noce.Il dilemma è il pavimento. Con mia moglie abbiamo deciso di mettere il gres porcellanato ma ci piace anche il parquet.Quale colore (di gres e di parquet)sta bene ai mobili che già possediamo?

  15. emma ha detto:

    Buonasera finalmente i miei genitori si sono decisi a cedermi l’ultimo piano della loro graziosa villetta, e sarebbe molto interessante avere un suo parere (Gianni) relativamente alla tinteggiatura che dovrò adottare sulle nuove pareti.
    Premesso che la camera da letto ha un enorme armadio avorio con maniglie in cuoio scuro, letto in legno marrone scuro con testata in pelle marrone martellata, comò basso e largo sempre in legno scuro con cassettoni più chiari e specchio in legno color oro/bronzo chiaro, e comodini sempre in legno marrone scuro, con la particolarità di essere lunghi 90 cm e il cassetto (unico) è appoggiato su un ripiano appunto di 90 cm, (spero di essermi spiegata bene) di uno stile direi moderno/etnico.
    la cucina è in wenge per imobili bassi mentre in laccato avorio per i pensili, anche la tavola con le sedie sono in wenge, poi ho una parete attrezzata in wenge con pannelli in cuoio begie, e il salotto bianco in più una credenza in stile antico color avorio sbiancato.
    La casa ha un pavimento in gres marrone non troppo scuro, e per il momento resterà così, la mia intenzione era quella di dipingere tutto di bianco, comprese le porte, e fare la parete dove verrà posizionato il letto in una tonalità che va nel bronzo, mentre quella dietro il divano color marroncino ma non troppo scuro e mettere le tende bianche in tutti gli ambienti.
    Lei cosa ne pensa? Gradirei una sua opinione in proposito e soprattutto un consiglio, grazie

  16. alanroby ha detto:

    Salve, vi contatto per chiedervi un parere o comunque un
    consiglio sulla scelta del parquet. Sto ristrutturando la camera da
    letto che è unita alla camera armadi, come colore delle pareti ho
    scelto il sabulador riflessato grigio
    (http://www.decorpaint.net/it/cartella_colori/sabulador.aspx codice
    604, su internet non rende l’idea perchè è leggermente più scuro di
    cosi, tipo il perlescente argento) poi ho il letto bianco, dietro
    al letto mi piacerebbe fare la testata con i finti mattoncini scuri
    (sul nero o marrone scuro) a questo punto sono indecisa sul colore
    del pavimento, è meglio un colore chiaro o un colore scuro?
    Potreste consigliarmi un parquet laminato? A me piace sia un colore
    chiaro quasi sbiancato sia sul grigio ma non vorrei che con questi
    colori risulti fredda la stanza, e allora ho pensato a colori più
    scuri di modo che facesse contrasto come la testata del letto! Cosa
    mi può consigliare? grazie mille!!!

  17. valeryct88 ha detto:

    Buongiorno,gentilmente avrei bisogno di un suo consiglio: io e il mio ragazzo abbiamo acquistato una casa che non è grandissima…ho un open space di 4mt x 6 con infisso e finestra visibile dall ingresso,cuina seminascosta da un muretto ,cameretta,bagno e camera da letto.L’ingresso in inverno non è molto soleggiato ,però non è neanche buio.Ho i pavimenti in gres beige 45x 45 con fughe grigie,cucina larice con pensili bianchi (ancora è da confermare,è la colombini modello artec paragon glam o la lube alessia)….parete attrezzata moderna simile alla cucina….io avevo pensato a tinteggiare le pareti della cucina (a L) glicine, acquistare un divano vinaccio o cumunque un colore simile al viola mo non troppo eccentrico ,e dietro la parete attrezzata tinteggiare sempre lillla.Muretto,dietro muretto e corridoio,compresi pilastri farli un grigio chiaro.Lei cosa ne dice?magari per la camera da letto usare un bell azzurro cielo spatolato…con tonalità poco più accesa per la testiera,il letto è imbottito in ecopelle e mobili laccati bianchi.Cosa ne pensa?attendo un suo consiglio cordiali saluti Valeria

  18. ilenia forestiero ha detto:

    Buongiorno, avrei bisogno di un consiglio. Premessa:
    quest’anno abbiamo ampliato la casa in cui abitiamo annettendo
    l’appartamento a fianco al nostro. L’annessione è stata fatta
    rimuovendo una parete e sostituendola con una porta scorrevole in
    vetro satinato. Questa porta divide quello che era una cucina
    living con soggiorno trasformata in sola cucina, da un salone. Mio
    marito ama il bianco, quindi tutte le pareti di questo salone sono
    bianche, i mobili moderni che abbiamo adattato al nuovo ambiente
    sono bianchi, divani compresi, il pavimento é grigetto.
    L’esposizione é a sud, é un ambiente molto luminoso in quanto ci
    sono due porte finestre sempre rivolte a sud molto ampie. Che
    colore mi consiglia di utilizzare per i tendaggi , copridivani e
    oggetti che spero andranno a vivacizzare l’atmosfera. Dimenticavo,
    la cucina collegata é esposta ad ovest ed ha una parte di pavimento
    in parquet e molte tonalità gialle ed ocra. La ringrazio
    anticipatamente anche perché…vivendoci dentro sono molto
    confusa.

Rispondi a parquet Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.