Solo caldaie a condensazione, lo dice la Direttiva ErP EcoDesign

 

Ebbene si, dal 26 settembre 2015 non è più possibile caldaie a tiraggio forzato, la Direttiva ErP EcoDesign 2009/125/CE, obbliga alla produzione, alla vendita e all’installazione solo di caldaie a condensazione. Questo non vuol dire che quelle che avete sono illegali, ma che se dovete cambiare la caldaia dovrete acquistarne per forza una a condensazione.

Ma che cambia tra una caldaia “normale” ed una a condensazione?

Le caldaie tradizionali producono energia attraverso un processo di combustione, il calore generato serve poi a riscaldare il l’acqua che finirà nei nostri radiatori riscaldando l’ambiente. Il problema sta però nel consumo energetico di tali apparecchi convenzionali. Infatti il fenomeno della combustione oltre a produrre calore genera dei fumi che vanno smaltiti per evitare la formazione di condense acide che possano produrre effetti di corrosione. Lo smaltimento di tali fumi ovviamente riduce il rendimento dell’apparecchio, l’impianto è costretto a lavorare ad una temperatura superiore e  aumentano i consumi energetici.

Viceversa le caldaie a condensazione mirano a risolvere tale questione e a ridurne i consumi. Infatti nella caldaia a condensazione il calore dei fumi espulso viene in parte utilizzato per preriscaldare l’acqua in entrata nello scambiatore. Lo scambiatore di calore secondario, che funge anche da condensatore, fa in modo di ridurre la temperatura dei fumi in uscita riutilizzandola per il preriscaldamento dell’acqua, aumentando il rendimento dell’impianto e riducendone i consumi. Tali scambiatori di calore sono realizzati in materiali capaci di resistere alla corrosione, sebbene la manutenzione dell’impianto resti comunque un elemento importante per il suo corretto funzionamento. Ovviamente l’impianto a condensazione prevede anche uno scarico della condensa generata dal processo, elemento assente nelle caldaie tradizionali.

Noto che le caldaie a condensazione lavorano a temperature più basse, si tenga presente che un ulteriore miglioramento delle prestazioni si ottiene con l’utilizzo di pannelli o superfici radianti, piu idonee a lavorare a temperature inferiori rispetto ai consueti radiatori.

Leave your comment

Your Name: (required)

E-Mail: (required)

Website: (not required)

Message: (required)

Send comment