Archive for settembre 2012

La parete sospesa porta tv. Una parete attrezzata in muratura e cartongesso.

La Parete sospesa.

 

 

 

 

 

 

Il letto a scomparsa salva spazio!

Il letto a scomparsa

 

Il letto a scomparsa a parete e’ un utilissimo elemento di arredo che potra’ essere strategico in case molto piccole. E’ particolarmente utile nelle case per le vacanze dove l’arrivo di un ospite potra mettere meno in crisi le ridotte dimensioni della casa al mare o in montagna.

Potrebbe comunque essere usato anche nel piccolo monolocale in citta’  data la sua comodità e semplicità di apertura e chiusura!

 

Il letto sospeso

IL letto sospeso e’ una tecnica innovativa che consente di sfruttare  lo spazio in  elevazione  di una casa che ha   non ha l’altezza interne necessaria per realizzare un soppalco.Ricordiamo che per realizzare un piano intermedio in un appartamento e realizzare quindi un soppalco abitabile bisogna comunque ottenere un altezza per piano che sia compatibile con i criteri di abitabilita’ : 270 cm .  Questo intuitivamente ci fa pensare ad un immobile che si presenta con un altezza totale di almeno 555 cm ( ipotizzando uno spessore medio del solaio di 15 cm. Le unita’ immobiliari  con queste altezze sono veramente rare.

Il sistema del Letto Sospeso invece ci consente di poter sfruttare lo spazio anche quando abbiamo un’altezza totale di soli 390 cm  dove non sarebbe possibile nessuna forma di soppalco. Il risultato e’ quello di guadagnare totalmente lo spazio riservato al letto e alla sua fruibilita,(percorsi intorno ad esso) e avere totalmente  libera l’area della stanza potendo agevolmente ridurne le dimensioni  e riservare lostesso ad altri ambienti.

Equivoco in Sauna

Scherzi a parte ! La sauna in casa e’  a volte il  sogno di tante persone che si accingono a Ristrutturare casa !

Decorare le ante di un armadio crea profondità nella camera.

New York in una stanza

Per chi ama nascondere l’armadio e’ possibile usarlo per apporre  una gigantografia serigrafata sulle ante! In quasto caso abbiamo aperto una finestra su New York!

La  tecnica e’ semplice ma  l’effetto è sorprendente

Lo studio della luce per tutti gli ambienti della casa.

La luce che crea atmosfera.

 

Non c’e’ dubbio che nella realizzazione di un progetto per la casa e’ di fondamentale importanza  l’illuminazione  negli ambienti.

Per ogni ambiente sara’ necessaria una potenza luminosa diversa e a volte nello stesso ambiente e’ opportuno prevedere degli scenari diversi a secondo dell’uso che in quel momento si sta facendo della stanza in cui permaniamo. Pensiamo al salone  con la zona pranzo e con la zona conversazione. entrambe devono essere ben illuminate sia naturalmente che artificialmente. Durante una cena con amici,  per esempio, ci piacerà ottenere una illuminazione globale che possa far volgere lo sguardo verso tutti i commensali. Ma nel caso in cui abbiamo organizzato una cenetta romantica forse bastera’ una candela  e un paio di “gocce  di luce ” sul tavolo che illuminano i piatti ma che creano poi un’atmosfera abbastanza soffusa nel resto dell’ambiente.

Sempre nel salone ci piacera’ vedere la televisione con una piccola lampada piazzata in un posto dove la sua luce non si rispecchia  nel 50 pollici ultramoderno ad elevato contrasto altrimenti tutti i soldi spesi in più per un ottimo apparecchio onde poter  ottenere una visione ottimale saranno vanificati!

Abbiamo appena aperto l’articolo e parlato solo di un ambiente e gia’ abbiamo considerato diversi  lay-out  per  illuminazione. Immaginate quindi  di quante cose bisogna tener conto in cucina, per eliminare le fastidiose ombre del nostro corpo create dall’illuminazione dall’alto  mentre cuciniamo o laviamo i piatti, oppure nel bagno dove ci piacera’ osservarci allo specchio con una luce  priva di ombre seppur artificiale e che sia abbastanza corposa e adatta per esempio al trucco femminile. Ma perche’ rinuciare poi ad una doccia emozionale con tanto di cromoterapia?

E la camera da letto? E’ il posto dove ci si veste e quindi la luce deve essere adeguata alla ricerca del vestito ( le donne non lo troveranno mai perche’ comunque non hanno che 2.758 vestiti e niente da mettere!). Ma che dire poi del prosieguo della cenetta romantica? Quale dovrebbe essere la “non luce” adatta??

Poi al di là della scelta delle posizioni delle fonti illuminanti va da se che e’ fondamentale la natura delle stesse! Neon , led, alogene , risparmio energetico ecc..

Da non dimenticare poi la temperatura colore delle stesse che viene espressa in gradi Kelvin anche se nell’uso comune vengono identificate con termini come luce calda o gialla nel caso di lampade a temperatura colore vicina a quella del sole (3700 ° Kelvin ) o Bianca , fredda  tendente al bianco.